Club per l'UNESCO di Cleto
CLUB UNESCO CLETO-INIZIATIVE

Iniziative del C. P. Club Unesco Cleto per la Settimana DESS
26/11/2014: “Salva creando”. Laboratorio di riciclo creativo. Falerna (CZ), Centro polifunzionale.
30/11/2014: Presentazione della campagna “Partecipazione per uno sviluppo sostenibile”. Cleto (CS).

Le iniziative del nascente Comitato Promotore “Club Unesco Cleto” si pongono sul solco dello Statuto FICLU, improntato ed orientato alla mission UNESCO. Ragion per cui, il Comitato ha colto la prima occasione utile, ossia la Settimana DESS, per esordire pubblicamente e partecipare alla diffusione di tali, nobili principi.
Tra le finalità del Decennio, infatti, vi è quella di «sensibilizzare governi e società civili di tutto il mondo verso la necessità di un futuro più equo ed armonioso, rispettoso del prossimo e delle risorse del pianeta, valorizzando il ruolo che in tale percorso è rivestito dall’educazione». L’iniziativa “Salva creando”, ideata per celebrare e contribuire alle iniziative FICLU, parte proprio dalla fede nei valori dell’educazione e della sensibilizzazione alla tutela ambientale. Al laboratorio, hanno preso parte bambini in età scolare, iscritti all’Istituto comprensivo statale di Falerna (CZ). I soggetti sono stati coinvolti in attività di riciclo creativo: il cimento in forma creativa ed artistica, oltre ad essere facilmente accessibile e praticabile, muove da un approccio ludico realizzando rilevanti scopi pedagogici. Gusci di noce, bottiglie di plastica ed altri oggetti di scarto sono tornati a nuova vita, grazie al processo di trasformazione ecologica, condotto dai giovani protagonisti. A guidare tale percorso, l’artista Simona Trunzo, afferente al Comitato Promotore.
Il 30 novembre 2014, a chiusura della Settimana, il Comitato ha presentato ad un nutrito parterre di associazioni ed attori sociali la campagna “Partecipazione per uno sviluppo sostenibile” curata da Armido Cario, Carmela Guzzo e Amerigo Cuglietta. Una campagna articolata, da sviluppare e perseguire nel medio–lungo termine. Un processo inclusivo aperto alla partecipazione comunitaria ed alle istanze sociali e culturali del territorio. Tale processo andrà inevitabilmente ad integrare, impreziosire ed arricchire il dna del costituendo Club. Il Decennio dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile ci consegna, infatti, un’eredità importante, un patrimonio di imperativi e principi: tra questi l’importanza del contesto locale, favorendo l’interesse positivo e l’adesione propositiva dei territori alla discussione sulle questioni globali. Tutto ciò si realizza attraverso azioni come queste, che stimolano la formazione di pensiero critico, inducendo al «senso di collettività e responsabilità nei confronti del mondo in cui viviamo». Durante la presentazione sono state affrontate le tematiche della mission Unesco intrecciate con gli obiettivi del comitato promotore Cleta, essendo questi ultimi improntati sull'affermazione dell'uguaglianza dei cittadini anche nelle nostre piccole realtà,  alla voglia di far emergere le potenzialità del territorio ricco di storia e di risorse naturali. All'interno della discussione sono affiorate le criticità e insieme le possibilità di curarle con iniziative coinvolgenti la collettività che spazieranno da presentazioni di libri ad escursioni nei centri storici alla scoperta del Genius Loci e delle proprie radici. Tutte le associazioni accorse hanno mostrato una certa voglia di collaborare e ognuno a modo proprio ha teso la mano per cogliere la nascente possibilità di affacciarsi all'Europa con rinnovato slancio. L'augurio che ci facciamo è che il ginepraio di idee partorite in questi primi incontri si trasformi in una solida rete di atti volti a modificare e migliorare il volto di una Calabria che ha voglia di farsi conoscere e crescere.